SORVEGLIANZA SANITARIA

Per sorveglianza sanitaria si intende l’insieme degli accertamenti sanitari svolti dal Medico Competente, cioè da un professionista sanitario cui requisiti sono elencati nell’art. 38 del D.Lgs 81/2008, finalizzati alla tutela dello stato di salute e alla sicurezza dei lavoratori, in relazione alle condizioni di salute degli stessi, all’ambiente di lavoro, ai fattori di rischio e alle modalità di svolgimento dell’attività lavorativa.

I lavoratori per i quali la valutazione dei rischi ha evidenziato un rischio per la salute devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria (art. 242 d.lgs. 81/2008).

Il medico competente stabilisce il programma di sorveglianza sanitaria ed epidemiologica e lo attua secondo criteri e protocolli basati sull’evidenza.

Gli accertamenti preventivi sono orientati a constatare l’assenza di controindicazioni alla mansione specifica che il lavoratore deve svolgere.

 Lo scopo della sorveglianza sanitaria è quello di:

-valutare l’idoneità specifica al lavoro

-scoprire in tempo utile anomalie cliniche o precliniche (diagnosi precoce)

-prevenire peggioramenti della salute del lavoratore (prevenzione secondaria)

-valutare l’efficacia delle misure preventive nel luogo di lavoro

-rafforzare misure e comportamenti lavorativi corretti.

La sorveglianza sanitaria dovrà tener conto che l’esposizione ad alcuni agenti cancerogeni e/o mutageni può presentare un rischio molto elevato per alcune categorie di lavoratori che presentino: ipersuscettibilità genetica o acquisita (ad es. condizioni comportanti una facilitazione dell’assorbimento, difficoltà di metabolizzare o eliminare le sostanze estranee).

 Il medico competente informa il lavoratore sui rischi e sulle misure di prevenzione, sull’importanza di sottoporsi ai tutti i controlli medici necessari e sull’influenza che le abitudini comportamentali extra lavorative (quali l’abitudine al fumo) possono avere sull’eventuale sviluppo di patologie.

Inoltre il medico competente fornisce specifica informazione sull’opportunità di proseguire la sorveglianza sanitaria, allo scopo di ridurre eventuali rischi aggiuntivi e/o effetti negativi a lungo termine ai lavoratori esposti a cancerogeni e/o mutageni al momento in cui termina l’esposizione per cambio mansione e/o per cessazione del lavoro.

 Un protocollo di sorveglianza sanitaria adeguato per lavoratori esposti ad agenti cancerogeni e/o mutageni deve:

-prevedere accertamenti mirati al rischio specifico

-essere in grado di evidenziare danni alla salute precoci e misurabili

-possedere adeguate caratteristiche in termini di sensibilità.

Condividi
Condividi
Condividi